Crea sito

Pasta frolla Milano

La pasta frolla Milano è un impasto molto usato nei forni per realizzare biscotti e crostate croccanti o morbide (a seconda che ci sia o meno il lievito). E’ una ricetta molto facile da ricordare perché, come per l’originaria ricetta base della pasta frolla, su 500 g di farina occorrono 2 uova, 250 g di burro e 250 g di zucchero (la somma di questi ultimi è pari al peso della farina), più sale e aromi. E’ la modalità di lavorazione della “Milano” che si differenza rispetto ad altri impasti di frolla in quanto parte dalla lavorazione del burro con lo zucchero, a seguire si aggiungono le uova e solo alla fine si incorpora la farina. La pasta frolla Milano inoltre non va impastata a mano bensì con un semplice cucchiaio di legno (oppure se preferite nella planetaria con foglia). Ecco la mia ricetta, io ho aggiunto un po’ di lievito per renderla meno croccante e più morbida!
Difficoltà: bassa
Preparazione: 15′
Riposo: almeno 30′ in frigo
Dosi: 550 g (per 1 crostata di ∅ 23-24 cm)
Costo: basso
Ingredienti
  • 250 g di farina
  • 125 g di burro morbido
  • 125 g di zucchero
  • 1 uovo
  • I semini di 1/2 bacca di vaniglia*
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci (facoltativo)

*La vaniglia è sostituibile con 1/2 cucchiaino di estratto o con 1 bustina di vanillina, in alternativa si può aggiungere la scorza grattugiata di 1/2 limone (o arancia se preferite).

Procedimento
In una ciotola lavorare a crema con un cucchiaio di legno il burro ben morbido insieme allo zucchero, poi unire l’uovo leggermente sbattuto insieme ai semini della bacca di vaniglia (o ad altro aroma prescelto) ed incorporarlo in 2-3 tempi affinché si assorba completamente.
Unire la farina setacciata insieme al sale e al lievito (quest’ultimo è facoltativo), quindi impastare fino a quando non si sarà completamente assorbita all’impasto. La pasta frolla Milano è pronta, compattarla a formare un panetto quindi appiattirla su un foglio di carta forno, richiudere a pacchetto e riporla in frigo almeno 30′ prima di adoperarla.
Note
  • Se non consumata subito conservarla per un massimo di 3 giorni in frigo, oppure congelarla per massimo 2-3 mesi ricordando di scongelarla in frigo la sera prima dell’utilizzo.
  • Per maggiori delucidazioni su tempi di cottura e lavorazione consulta la guida completa alla pasta frolla.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.